Esperienza di pacco danneggiato e pacco smarrito spedizione in Inghilterra

 

Questo consumatore ci ha scritto il 15 agosto raccontandoci una triste esperienza di una spedizone di 20 colli in Inghilterra, effettuata con Spedire.com. Il risultato è stato di un pacco danneggiato, tre pacchi persi, 700 € spesi e molte difficoltà nell’ottenere risposte e rimborsi.

Di seguito cerco di spiegare perchè certe cose possono succedere, come cercare di evitarle e come difendersi nella giungla delle spedizioni, fatta la doverosa premessa che Spedire.com è un operatore online tra i più esperti del settore, essendo operativo ormai da vari anni.

 

Post scritto da Ali Rizvi – Inviato il 15/08/2015 alle 13:07

Salve a tutti,
mi sono trasferito da Cagliari a Birmingham, per effettuare la spedizione ho usato Spedire.com. Durante la fase di ordine avevo sbagliato la quantità da spedire (ho pagato per 20 pacchi ma in realtà sono stati spediti 19). Gli ho contattato subito per avvisare questo episodio. Ho pagato più di 700 euro, chiaramente il loro prezzo era basso rispetto altri preventivi, questa era l’unica cosa positiva che ho avuto con loro, ma dopo la spedizione del 20 luglio mi mancano ancora 3 pacchi e riscontro per la fatturazione. Gli ho inviato diversi ticket ma rispondono quando vogliono. Gli ho inviato anche la foto di una scatola che era tutta aperta ma chiaramente su questo diranno che non è colpa loro ma Dell corriere. come ho ricevuto i pacchi (sono arrivati in momenti diversi in rate) e tre pacchi che probabilmente hanno perso, ho pagato molto di più.
Capisco che queste cose succedono ma aspettavo un servizio clienti attivo ma in realtà sembra che il corriere e loro sono abbastanza scollegati tra di loro e non sanno cosa rispondere.
Saluti

 

Risposta di Tuttospedizioni.it del 16 agosto 2015:

Buongiorno, diciamo che Lei ha avuto sicuramente un insieme di problemi, alcuni che dipendono dal corriere utilizzati ed altri direttamente da Spedire.com. Per quanto riguarda l’affidabilità del corriere a volte è molto importante non solo guardare il prezzo, ma anche come lavora il corriere scelto nel Paese dove si ha intenzione di spedire la merce. Questo lo dico in quanto ci sono corrieri che hanno una gestione diretta in tutti i Paesi e quindi il livello di servizio è medimente lo stesso, altri che invece per l’estero si affidano a partner esteri, che possono lavorare più o meno bene a seconda delle nazioni in cui si opera. In ogni caso, quando ci sono dei problemi, l’interfaccia del corriere nazionale con il corrispondente estero è sempre più problematica per arrivare a una soluzione.

Giusto per farLe un esempio, sei Lei va su Truckpooling.it e vuole analizzare la performance dei corrieri, è suffcente andare sulla pagina dei feedback rilasciati dagli utenti.

In questa pagina sono presenti quasi 18000 feedback, filtrabili per zona di partenza, zona di arrivo e per corriere utilizzato. Se Lei va a vedere ad esempio BRT in Svezia, che usa come corrispondente DPD, il livello di servizio è pessimo, mentre sempre BRT in Austria, dove ha come corrispondente sempre DPD, offre un servizio ottimo. Questo significa che il corrispondente di BRT, che in entrambi i casi è DPD, lavora bene in Austria e male in Svezia. Ecco che se io devo spedire in Svezia, mi conviene ad esempio utilizzare UPS, che magari costa di più, ma che abbassa drasticamente la probabilità di avere problemi. L’esempio è stato fatto con BRT, ma anche SDA ad esempio ha corrispondenti esteri e così moltri altri corrieri.

Tutto questo per dire che conviene sempre scegliere il corriere valutando anche il livello di servizio e non solo il prezzo. Nessun rivenditore online offre un servizio feedback completo come quello offerto da Truckpooling.it. E’ un servizio gratuito che misura la performance del corriere, poi si può decidere di acquistare la spedizione su Truckpooling.it o altrove.

 

Cose diverse sono invece le cose che dipendono dal rivenditore online:

La fattura deve essere immediata, contestualmente all’incasso c’è l’obbligo di emissione del documento fiscale. A parte questo, credo sia davvero assurdo dover sollecitare un documento che dovrebbe essere emesso in modo automatico o scaricabile dalla propria area riservata del sito.

Per la pratica di rimborso di quanto pagato in eccesso per il pacco in meno spedito, anche questo dipende dalla sensibilità del rivenditore online (Spedire.com) nel Suo caso di effettuare un rimborso celere, se dovuto, o quantomeno di dire celermente se tale rimborso verrà fatto o meno.

 

Per il pacco danneggiato e per i pacchi smarriti, la questione è ahimè più complicata. Primo Lei deve aver effettuato la riserva in bolla al momento del ritiro. Se non l’ha fatta si può aprire una pratica per danno occulto, ma ci sono solo 8 giorni lavorativi dalla ricezione del pacco e va inviata raccomandata ricevuta di ritorno. Se gli oggetti sono definiti “oggetti personali” difficilmente si arriva a un rimborso; in caso contrario servono le prove del valore della merce, fatture di acquisto ecc.

Infine va considerato che se non è stata fatta una assicurazione ad hoc, che ha un costo e che si sottoscrive al momento dell’acquisto della spedizione (se il corriere offre questo servizio), il rimborso previsto per legge per le spedizioni dall’Italia all’estero è di 10 € al kg. Pensi che per le spedizioni in Italia il rimborso previsto è di solo 1 € al kg, praticamente niente.

 

Come vede le questioni sono molte e gli aspetti da considerare ancora di più. C’è molta male informazione e disinformazione nel settore delle spedizioni. Ci sono rivenditori online che si improvvisano (non è il caso di Spedire.com che è nel mercato da vari anni) e molti acquirenti che acquistano con estrema superficialità. Noi di Tuttospedizioni.it cerchiamo di dare supporto e chiarezza e con Truckpooling.it sicuramente lavoriamo per offrire un servizio che è ancora più importante quando ci sono dei problemi. Lo diciamo in home il perchè sceglierci: Comparazione dei prezzi, Feedback delle spedizioni e Assistenza anche e sopratutto telefonica.

Gianluca

L'esperienza commerciale prima, gestionale e direzionale poi, unite a una passione per internet e il web, mi hanno portato a una forta specializzazione nell'ecommerce. Dal 2012 ho acquisito importanti competenze sulle spedizioni online di merci.