Tutto Spedizioni

Spedireweb Mectrans: Disservizi e doppie richieste di pagamento | Minacce legali

Gianluca Pellegrinelli 12 giugno 2015

:

Rottura di rapporti commerciali tra Spedireweb, uno dei principali venditori online di spedizioni e Mectrans, il vettore al quale Spedireweb ha affidato tutte le sue spedizioni dall’estate 2014, a seguito della interruzione del contratto con SDA.

E’ stato proprio un anno fa, più precisamente nel luglio del 2014, che Spedireweb ha dovuto gestire uno dei momenti più delicati della sua storia, a seguito della sospensione dei servizi da parte di SDA. In quell’occasione noi di Tuttospedizioni.it abbiamo scritto un articolo, cercando di spiegare in modo abbastanza dettagliato cosa era successo: “Luglio di fuoco per Spedireweb”

Cerchiamo ora di capire i fatti recenti delle ultime settimane, in questa nuova e intrigata vicenda.

 

20 maggio 2015: Nuova pubblicità Spedireweb con SDA

Compare infatti su eBay, ma anche in molti altri siti online, una pubblicità che annuncia il ripristino del servizio di spedizioni di Spedireweb con SDA. Tale notizia stupisce molto gli operatori di settore ma anche tutti quei consumatori che un anno fa si sono trovati coinvolti nei problemi Spedireweb/SDA, con conseguenti pacchi non consegnati, rimborsi mai effettuati o in ritardo, contrassegni non pagati.

La protesta nel web è cresciuta considerevolmente nei forum e nei social network, sopratutto nella pagina Facebook di Spedireweb e in gruppi spontanei che sono nati, come ad esempio “Truffati da Spedireweb”, che conta più di 500 iscritti alla data odierna.

Noi di Tuttospedizioni.it non siamo in grado di valutare l’entità delle problematiche che si sono generate, quante si sono poi risolte e quante sono rimaste la nel limbo, con clienti non rimborsati ecc. ecc. riportiamo semplicemente quanto evidente. Sicuramente la mole di proteste che per mesi ha invaso il web era sintomo di un malessere generale per disservizi subiti. E’ anche chiaro che interrompere i rapporti con l’unico fornitore (SDA) e ripartire con uno nuovo (MECTRANS) in pochi giorni, dovendo gestire centinaia se non migliaia di spedizioni al giorno, è impresa assai ardua.

 

6 giugno 2015: Spedireweb manda una prima email ai Suoi clienti

A seguito di una email che Mectrans ha inviato a tutti, o a parte dei clienti Spedireweb, la stessa Spedireweb prende posizione chiara e netta:

“abbiamo interrotto i rapporti commerciali per gravi inadempienze e disservizi” (si riferiscono a Mectrans)

“accaparrarsi la nostra clientela” (Mectrans nella comunicazione che ha mandato impone ai clienti di Spedireweb, tutti o una parte, di pagare le somme già pagate a Spedireweb e che evidentemente Spedireweb non ha corrispostoa Mectrans)

“richieste di pagamento provenienti da soggetti terzi sono del tutto illegittime” (Spedireweb ribadisce che le richieste di pagamento di Mectrans non sono leggittime e quindi i clienti non devono pagare la seconda volta per la stessa spedizione”

 

9 giugno 2015: Spedireweb invia una seconda email a tutti i Suoi clienti

Ancora i toni si fanno più accesi, evidente approccio che denota la posizione di contrasto. Ecco alcuni passaggi:

“Mectrans XP S.r.l. o dal Suo Legale Rappresentante (Carotenuto Nello)” (Spedireweb cità nell’articolo non solo la società, ma anche il Suo legale rappresentante, nella persona di Cartotenuto Nello)

“ribadirne l’illegittimità, la pretestuosità e l’infondatezza della richiesta” citando dettagliatamente quanto segue:

“Riassetto normativo dell’attività di autotrasporto di merci per conto di terzi” , il cui art. 7 ter dalla medesima richiamato prevede che Il vettore di cui all’art. 2, comma 1, lettera b, del Decreto Legislativo 21.11.2005, n. 286, il quale ha svolto un servizio di trasporto su incarico di altro vettore, a sua volta obbligato ad eseguire la prestazione in forza di contratto stipulato con precedente vettore o direttamente con il mittente, inteso come mandante effettivo della consegna, ha azione diretta per il pagamento del corrispettivo nei confronti di tutti coloro che hanno ordinato il trasporto, i quali sono obbligati in solido nei limiti delle sole prestazioni ricevute e della quota di corrispettivo pattuita, fatta salva l’azione di rivalsa di ciascuno nei confronti della propria controparte contrattuale. È esclusa qualsiasi diversa pattuizione, che non sia basata su accordi volontari di settore”.

“Il ruolo svolto da Terra S.p.a. tramite SpedireWeb è semplicemente quello di acquistare un servizio per rivenderlo a terzi e non quello di assumersi l’esecuzione integrale del trasporto servendosi poi, per l’esecuzione di una parte di esso, di un Sub-Vettore.”

 

10 giugno 2015: Ulteriore comunicazione di Spedireweb sulla intrigata vicenda:

“la comunicazione che ha ricevuto da MecTrans è del tutto illegittima ed in pieno contrasto con le leggi del commercio, della privacy e della concorrenza” (si fa riferimento anche a comportamenti che ledono le regole della concorrenza e il diritto alla privacy)

“legali si sono già attivati, sia verso la magistratura che le varie Autority, per tutelare i Vostri ed i nostri interessi”

“Associazioni di Consumatori per evidenziare l’accaduto”

 

Di tutto questo sulla pagina ufficiale Facebook di Spedireweb si legge abbastanza poco; l’unico post è del 9 giugno, dove si dice, con toni un pò più ammorbiditi:

“In questi giorni, una piccola parte dei nostri clienti sta ricevendo una PEC inviata dal vettore MecTrans, utilizzando dati personali senza alcuna autorizzazione. Invitiamo tutte le persone coinvolte a contattarci tramite l’indirizzo email legale@spedireweb.it, lasciando un recapito telefonico. Sarà nostra cura ricontattare tutti i clienti coinvolti per spiegare nel dettaglio l’accaduto, invitando ancora una volta a non pagare nulla di quanto richiesto illegittimamente. Non mancheremo di aggiornarvi su tutti gli sviluppi.”

 

L’impressione è che sia solo l’inizio di una lunga battaglia, iniziata tra Spedirewb e Mectrans per problemi nei loro rapporti nei servizi e nei pagamenti. Noi dall’esterno non siamo certo in grado di capire quale sia la causa e quale l’effetto della situazione che si è venuta a creare: Spedireweb non ha pagato e quindi Mectrans non svolge il Suo servizio in modo adeguato (ec chiede i soldi direttamente ai clienti) oppure Mextrans non ha lavorato secondo gli accordi e quindi Spedireweb non ha pagato.

L’unica cosa certa è che il consumatore, ignaro di tutto, è ancora quello che ci rimette: Ci rimette una prima volta nella qualità del servizio ricevuto, probabilmente non in linea con i migliori standard a causa di queste situazioni di conflittualità e ci rimette poi una seconda volta, con la beffa, oltre al danno, di sentirsi richiedere da Mextrans i soldi che lui ha già pagato a Spedireweb.

 

 

Condividi questo articolo con i tuoi amici:

on Twitter on Facebook on Google+

About Author

Gianluca Pellegrinelli

Nato a Mantova il 3 maggio 1964, ha frequentato l'Istituto Tecnico Industriale Statale di Conegliano (TV), con specializzazione in elettrotecnica. La prima esperienza lavorativa, nel 1984 è stata in ambito informatico, come subagente IBM, successivamente ha lavorato per 7 anni in Procter & Gamble, 1 anno in Montenegro, 4 anni al Gruppo Tecnica e 5 anni come Amministratore Delegato di Intersport Italia S.p.A. Dal 2010 al 2012 è stato amminsitratore delegato di Briko spa di Milano. Dal 2003 si occupa di ecommerce tramite un proprio sito di vendita on line (glooke.com), nel 2007 sviluppa un sito b2b con contenuti e funzionalità innovative (galileo) e nel 2011 inizia il progetto che ha portato all'idea e al successivo sviluppo di Truckpooling.it, il principale comparatore online per spedire merci. Dal 2015 si occupa attivamente di vendere online i prodotti dell'eccellenza italiana negli Stati Uniti tramite i siti VendereUSA.com e Italy2US.com. View all posts by Gianluca Pellegrinelli →

Lascia una risposta

Login to your account

Can't remember your Password ?

Register for this site!