Tutto Spedizioni

Le condizioni di trasporto dei corrieri

Gianluca Pellegrinelli 17 novembre 2013

:

 

Prima di acquistare una spedizione presso un corriere o un servizio online di spedizioni, vi viene chiesto di accettare le “Condizioni generali di trasporto”. Si tratta di un documento che può arrivare ad essere lungo una decina di pagine, fitto di termini e condizioni scritte in un linguaggio molto tecnico e “legale”.

Le Condizioni di trasporto sono come i “Termini e condizioni” che dobbiamo accettare per utilizzare per ogni servizio online: obbligatorie, ma poi quasi nessuno si prende la briga di leggere fino in fondo che cosa stiamo accettando. Ricordo che alcuni siti inserivano, ironicamente, una clausola in cui l’utente cedeva l’uso della sua anima, o del suo promogenito, sapendo che potevano passare mesi e migliaia di utenti prima che qualcuno lo notasse.

Perchè leggere le condizioni di trasporto?

Quando aquistiamo una spedizione firmiamo, a tutti gli effetti, un contratto. Il contenuto principale del contratto è “Affido un certo pacco a questo corriere perchè lo proti a destinazione”, e per la maggior parte dei casi questo è sufficiente: la spedizione va a buon fine e non ci pensiamo più.

Le condizioni di trasporto diventano importanti quando qualcosa va storto. In quel caso è MOLTO importante sapere che cosa abbiamo firmato, e cosa abbiamo accettato. I corriere indicano, nelle loro condizioni, che cosa accettano di trasportare, con quali modalità, con quali tempistiche. In caso di contestazioni indicano quali sono le procedure da seguire.

Per questo è consigliabile sapere che cosa stiamo accettando, almeno con una letta veloce.

Quando conviene leggere bene le condizioni di trasporto?

So benissimo che pochi di noi hanno il tempo di leggere tutti i documenti di questo tipo. Anche io segno spesso la spunta “ho letto e accetto…” anche se non lo ho fatto. Ma ci sono alcuni casi in cui è meglio leggere bene le condizioni:

  • Se volete lavorare spesso con un corriere: conviene, prima di iniziare una collaborazione duratura, leggere bene che cosa promette, che cosa accetta, che cosa NON accetta e come gestisce i problemi.
  • Se spedite merci costose e delicate: più il trasporto rischia di essere “rischioso”, più è importante sapere cosa succede se qualcosa va storto. Meglio informarsi bene prima piuttosto che scoprire dopo di aver sollevato il corriere da quasi tutte le responsabilità perchè non abbiamo letto un contratto.
  • Se spedite merci particolari: ogni corriere ha una lista di merci vietate, che non può spedire o che decide di non trattare. Normalmente si tratta di buon senso (armi, esplosivi, droga) ma in altri casi potrebbero essere cose che volete spedire. Se state spedendo merci banali e resistenti potete stare tranquilli. Se sono merci fragili, preziose, rare o che possono avere particolarità vi conviene controllare come si comporta il corriere.

Le condizioni generali di trasporto dei corrieri

 

 

 

 

Ecco un elenco di link a cui trovare le condizioni di trasporto di alcuni dei principali corrieri:

Spero che questa piccola guida possa esservi utile, e chissà, magari che vi eviti qualche spiacevole sorpresa. Se volete aggiungere altri dettagli, o volete raccontare le vostre esperienze con i corrieri su questo argomento, scriveteci nei commenti.
Buona spedizione!

 

Condividi questo articolo con i tuoi amici:

on Twitter on Facebook on Google+

About Author

Gianluca Pellegrinelli

Nato a Mantova il 3 maggio 1964, ha frequentato l'Istituto Tecnico Industriale Statale di Conegliano (TV), con specializzazione in elettrotecnica. La prima esperienza lavorativa, nel 1984 è stata in ambito informatico, come subagente IBM, successivamente ha lavorato per 7 anni in Procter & Gamble, 1 anno in Montenegro, 4 anni al Gruppo Tecnica e 5 anni come Amministratore Delegato di Intersport Italia S.p.A. Dal 2010 al 2012 è stato amminsitratore delegato di Briko spa di Milano. Dal 2003 si occupa di ecommerce tramite un proprio sito di vendita on line (glooke.com), nel 2007 sviluppa un sito b2b con contenuti e funzionalità innovative (galileo) e nel 2011 inizia il progetto che ha portato all'idea e al successivo sviluppo di Truckpooling.it, il principale comparatore online per spedire merci. Dal 2015 si occupa attivamente di vendere online i prodotti dell'eccellenza italiana negli Stati Uniti tramite i siti VendereUSA.com e Italy2US.com. View all posts by Gianluca Pellegrinelli →

Comments (2)

  1. Salve! Scrivo per avere cortesemente delucidazioni in merito al seguente problema: mi sono rivolta a Mail Boxes per la spedizione di un pacco da 70 kg, che era da consegnare entro 48 h. Causa scopero dei corrieri SDA, il pacco mi verrà recapitato non prima di lunedì 27 c.m, con conseguente perdita di prodotti che, pur non essendo immediatamente deperibili, dopo 5 giorni dalla spedizione saranno comunque avariati. Prescindendo dalla natura deperibile di una parte del contenuto, come devo procedere per chiedere il rimborso di 1 euro/kg?? Devo accettare il pacco con riserva? E con quale motivazione? Grazie mille!

    Rispondi
    • Buongiorno, prima di tutto ha verificato che i prodotti contenuti nella spedizione non fossero tra quelli vietati? Se così fosse non avrebbe diritto neanche al rimborso previsto per legge.
      Se invece i prodotti sono tra quelli ammessi, cosa che non credo, allora deve fare la riserva in bolla, ammesso che l’autista la lasci fare. In caso non abbia la possibilità di mettere la riserva in bolla, non essendo “visibile” il danno, può tentare con la procedura per “danno occulto”. Nel ns blog c’è un articolo che parla di questo. Lei può aprire la contestazione anche senza aver messo la riserva in bolla, ma in funzione del fatto che può aver riscontrato il danno all’apertura del pacco. Attenzione però che i tempi per notificare sono molto stretti e comunque li citiamo nell’articolo stesso.

      Rispondi

Lascia una risposta

Login to your account

Can't remember your Password ?

Register for this site!