Tutto Spedizioni

SPEDIRE ONLINE | ISTRUZIONI PER L’USO

Gianluca Pellegrinelli 7 settembre 2015

:

 

 

Cinque anni fa se un privato doveva spedire un pacco andava in Posta con il suo pacchetto, faceva la coda (spesso lunga) e spediva il pacco, sperando poi che lo stesso, prima o poi arrivasse a destinazione. Il timore del pacco smarrito o danneggiato era sempre presente, fino a quando non riceveva informazione da parte del destinatario dell’avvenuta consegna.

Le aziende invece, se di medie dimensioni, si affidavano ai corrieri, facendo un contratto, massimo due, un pò omnicomprensivi di tutti i tipi di spedizione e per tutte le località. Il controllo dei costi delle spedizioni e delle fatture era impresa assai ardua, al punto che spesso (ancora oggi) le fatture dei corrieri non vengono controllate in quanto troppo complicate e piene di informazini, difficilmente verificabili.

Le piccole aziende, gli artigiani, gli studi professionali, molto spesso gestivano le spedizioni dei pacchi un pò come i privati, andando in Posta e perdendo molto tempo prezioso e costoso del titolare o di un dipendente, per effettuare la spedizione.

Dispendio di tempo per spedire e complicazione nel capire e definire le tariffe di spedizione di un pacco o di un bancale, erano gli elementi un pò comuni a tutti.

Nel 2010, grazie ad internet, sono nati i primi servizi per spedire online un pacco: Spedireweb.it, Spedire.com, Spediamo.it e Spedirelowcost.it erano i principali operatori presenti all’epoca. Il loro ruolo è stato fondamentale per facilitare la spedizione di un pacco, ridurne i tempi e conoscere i costi effettivi, senza sorprese. Bastava andare online, digitare peso e misure del pacco o dei pacchi, cap di partenza ed arrivo e il sito forniva immediatamente il costo della spedizione. Era possibile acquistare online e più o meno contestualmente arrivava la lettera di vettura da esporre sul pacco e la prenotazione era fatta, bastava aspettare il corriere il giorno dopo per il ritiro. Spedire online era diventata una operazione molto facile e alla portata di tutti.

Un gran passo avanti davvero, ma non bastava in quanto nello spedire online di allora c’erano alcune limitazioni ancora molto importanti:

  • Non sapevi chi era il corriere con cui spedivi il pacco, quindi compravi un pò “a scatola chiusa”, senza nessuna possibilità di scelta e di valutazione delle performance, servizi prestati ecc.
  • Avevi una unica quotazione, nessuna possibilità di scelta. Volendo fare una comparazione dei prezzi delle spedizioni, dovevi andare nei vari siti, in ognuno digitare tutto, vedere le quotazioni di ognuno e alla fine scegliere. Un processo spessso dispendioso che faceva demordere anche i più volenterosi.

D’altronde, l’esperienza nel mondo dei viaggi aerei (Expediia, Edreams, Volare Gratis ecc.), degli alberghi (Booking, Trivago…) dei ristoranti (Trip Advisor), ci avevano abituato a ricerche multiple, più veloci, con output immediati e possibilità di comparazione tra molteplici diverse soluzioni. È proprio costruendo sulle positività dei primi siti preposti per spedire online e sui loro limiti che all’inizio del 2013 sono nati i primi comparatori: la comodità della spedizione online, con in più la possibilità di confrontare prezzi e servizi dei singoli corrieri.

Il primo comparatore, che però si limitava alla pura comparaIone, senza la possibilità di acquistare la spedizione è stato Sendabox. Nel febbraio del 2013 è andato online Truckpooling.it, ad oggi ancora il più completo comparatore online, per numero di spedizionieri convenzionati e quindi per ampiezza di offerta e possibilità di comparazione. Andando su Truckpooling.it basta inserire dimensioni e pesi dei pacchi o dei bancali, località di ritiro e di consegna e in pochi secondi esce la comparazione di svariati corrieri. Non è una semplice comparazione di prezzo ma molto di più:

  • Prezzi
  • Data di ritiro (che varia da corriere a corriere anche in funzione dell’orario in cui si effettua la richiesta)
  • Tempi di consegna (potendo scegliere tra consegna in 1 giorno o consegne più lente ma molto più economiche)
  • Descrizione del servizio offerto
  • Servizi aggiuntivi disponibili

C’è inoltre una sezione dove si possono leggere i feedback reali rilasciati da utenti che hanno usufruito del servizio, potendoli filtrare per corriere, località di partenza e arrivo. Una banca dati ad oggi popolata da oltre 18.000 feedback, indispensabili per scegliere con la massima tranquillità a chi affidae la propria spedizione e non solo sulla base dle prezzo.

Oggi il mercato è molto frazionato, per spedire un pacco con un servizio online ci sono circa 30 possibili offerte, quasi tutte però sviluppate nella direzione della proposta monoprodotto, un pò come i precursori Spedireweb o Spediamo.it. Gli unici veri comparatori sono Sendabox.it, Packlink.it, Spedire.com e appunto Truckpooling.it. Alcuni hanno una proposta limitata a tre o quattro alternative, altri sono più completi ed offrono funzionalità aggiuntive; sicuramente, conviene comunque orientarsi su una di queste soluzioni, che offrono maggiori alternative e possibilità di scelta. Due avvertenze importanti:

  1. Attenzione ai feedback. Dovete poter vedere e valutare il livello di servizio offerto dai corrieri.
  2. Solo siti con disponibile help desk telefonico. Sembra una banalità, ma in caso di problemi poter parlare telefonicamente con un operatore che si prende in carico della cosa è determinante per la risoluzione del problema stesso.

Se poi volete spedire online in modo innovativo, allora date un’occhiata ad icarry.it il corriere innovativo, ma di questo ne parlerò in un artico,o dedicato, visto che si tratta di un approccio completamente diverso al mondo delle spedizioni merci.

Condividi questo articolo con i tuoi amici:

on Twitter on Facebook on Google+

About Author

Gianluca Pellegrinelli

Nato a Mantova il 3 maggio 1964, ha frequentato l'Istituto Tecnico Industriale Statale di Conegliano (TV), con specializzazione in elettrotecnica. La prima esperienza lavorativa, nel 1984 è stata in ambito informatico, come subagente IBM, successivamente ha lavorato per 7 anni in Procter & Gamble, 1 anno in Montenegro, 4 anni al Gruppo Tecnica e 5 anni come Amministratore Delegato di Intersport Italia S.p.A. Dal 2010 al 2012 è stato amminsitratore delegato di Briko spa di Milano. Dal 2003 si occupa di ecommerce tramite un proprio sito di vendita on line (glooke.com), nel 2007 sviluppa un sito b2b con contenuti e funzionalità innovative (galileo) e nel 2011 inizia il progetto che ha portato all'idea e al successivo sviluppo di Truckpooling.it, il principale comparatore online per spedire merci. Dal 2015 si occupa attivamente di vendere online i prodotti dell'eccellenza italiana negli Stati Uniti tramite i siti VendereUSA.com e Italy2US.com. View all posts by Gianluca Pellegrinelli →

Comments (2)

  1. devo spedire dei pacchi di peso variabile a temperatura controllata trammite internet come faccio sapere quanto importano le spese di spedizione?

    Rispondi

Lascia una risposta

Login to your account

Can't remember your Password ?

Register for this site!